ARCHITETTURA FUTURISTA

Alberto Sartoris 1901 - 1998
   

Sant'Elia


Marinetti


Boccioni


Prampolini


Balla


Depero


Chiattone


Marchi


Aloisio


Baldessari


Djulgheroff


De Giorgio


Dottori


Costa


Crali


Fillia


Fiorini


Mazzoni


Mosso


Paladini


Pannaggi


Poggi


Sartoris


Thayaht


Busiri-Vici


Libera


Mattè-Trucco


Portaluppi


Terragni


...altri

Nel 1923 consegue il diploma all'Ecole des Beaux-arts di Parigi.
Formatosi come architetto a Ginevra, Parigi e Torino, aderisce al movimento futurista all'inizio degli anni '20.
Partecipa alla 1° Esposizione Italiana per l'Architettura Razionale ed alla Prima Mostra di Architettura Futurista, e nel 1929 é rappresentante dell'Italia - assieme a C. E. Rava - all'interno del CIAM (Congrés Internationaux d'Architecture Moderne).
La sua ricerca rigorosamente purista e funzionalista, dai connotati esplicitamente 'razionalistici' ed internazionalisti, pienamente consapevole ed aggiornata delle coeve esperienze europee, si manifesta in una attività didattica e pubblicistica di assoluta rilevanza nel periodo tra le due guerre.
Nel '41 sottoscriverà il "Manifesto del Gruppo futurista primordiale Antonio Sant'Elia".

ALBERTO SARTORIS In 1923 Sartoris took his Diploma at the Ecole des Beaux-Arts in Paris.
After a formative period as an architect in Geneva, Paris and Turin, he lent his support to to Futurism at the beginning of the 1920s.
He took part in the first Italian exhibition of Rational Architecture and the first
Exhibition of Futurist Architecture, and in 1929 he represented Italy at CIAM (Congrès Internationaux de l'Architecture Moderne) along with C. E. Rava.
Sartoris worked with a strictly purist and funtionalist language that was purely 'rationalistic' and internationalist; he remained fully aware and up to date with contemporary European developments and expessed this in his teaching and editorial activities, which were of great importance between
the two world wars.
In 1941 he signed the "Manifesto of the primordial Antonio Sant'Elia Futurist group".
SARTORIS Cappella-bar futurista 
Cappella-bar futurista (1927) Stampa a colori di Sartoris del 1972
La modulazione dello spazio avviene tramite un montaggio ad incastro di parallelepipedi vivacemente colorati, in cui é possibile cogliere espliciti riferimenti al neoplasticismo di De Stijl.

The modulation of space is brought about by means of an interlocking assembly of brightly coloured rectangular forms, in which it is possibile to see explicit references to the neo-plasticism of De Stijl.
Futurist chapel and bar (1927) Colour print by Sartoris (1972)

SARTORIS Cappella-bar futurista
Progetto per Notre Dame Du Phare (1931) fa
Il dinamismo nell'architettura é per me sopratutto una questione dell'articolazione della pianta, a differenza dei futuristi, che esprimevano il dinamismo in primo luogo nella facciata. [A. Sartoris] ga p.89
" Dynamism in architecture for me is above all a question of the articulation of the plan, unlike the Futurists, who primarily expressed dynamism in the facade. " [A. Sartoris]
Design for the Church of Notre Dame Du Phare (1931)


pagine web selezionate selected web pages